Solitudine d’attesa

0
65

Il rumore dell’acqua
mentre scorre
mutevole e uguale
è il senso del tempo
pur se mi sembra
non muoversi cosa
tutto vuol cambiare
e sempre cambia.
Nulla che è stato
potrà essere ancora
ora torna di nuovo
quell’inquieta ricerca
dell’essere solo
quando pur non vorrei.
Un nuovo sentire
e l’ignoto m’attende
non trovo nel buio
quella strada che voglio
che d’amore mi pare
di non esser capace.
E resto così
in questa mestizia,
mentre attendo
che la nebbia dissolva
che il giusto peso
del viver comprenda
che mi liberi, infine
di quel troppo di me.

15 gennaio 2018

Articolo precedenteFuori la porta
Articolo successivoChe poesia sia (ovvero: uno scherzo)
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments