Le tue mani

0
539

 

 

Le sento quasi affondare
nelle mie cedevolezze
quelle lunghe dita
nel fremito d’orgasmo.
Mi avevano parlato
le tue mani d’incanto
col freddo ed il calore
col tremito e il sudore.
Il muoversi loro
l’aspetto gentile
mi sussurrano di te
come gli occhi, le labbra.
Quanto dell’essere
quanto del fare
quanto del volere è
in un palmo e cinque dita.
Guarda le tue mani
come io le guardo
rivoltale, muovile
e sarai allo specchio.

29 marzo 2017

Articolo precedenteOrbitare
Articolo successivoSorriso
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments